P’orto di Lampedusa – il primo compleanno

Consegnato al ministro Martina il terzo rapporto della campagna #FilieraSporca
21 Novembre 2016
Chi paga il prezzo del sottocosto?
26 Febbraio 2017

di Silvia Cama, responsabile progetto P’orto di Lampedusa

La festa del primo compleanno degli orti comunitari di P’orto di Lampedusa è stato un momento di condivisione sincera dei risultati raggiunti in questo primo anno di attività.

Scaldati da un tiepido sole autunnale ortisti, bambini, migranti di passaggio, associazioni e partner del progetto sono stati accolti dalle musiche siciliane suonate con fisarmonica e chitarra da Salvatore e Claudio, utenti-ortisti del Centro Diurno dell’isola. I visitatori sono stati accompagnati in una visita all’area di progetto. Passo dopo passo, ne abbiamo ripercorso insieme le fasi: dalla costruzione della prima cupola geodetica fino all’installazione dei pannelli solari. Ciascun ortista ha raccontato il proprio lavoro in campo e gli ospiti del Centro Diurno hanno presentato il loro orto sinergico ricco di prodotti autunnali tra cui cavoli, sparaceddi e finocchi. La festa è stata occasione per tutti di conoscere nuove persone ed esplorare le meraviglie della natura. Grazie all’associazione Ibby Italia, l’evento si è arricchito di letture a tema tradotte in francese e inglese per i partecipanti di altre nazionalità.

È venuto poi il momento della semina collettiva delle patate in un vortice di mani giovani e mani anziane, mani di diverso colore, mani esperte e mani incerte, tutte mani operose e curiose di toccare la terra e di nascondervi un seme che porterà a germogliare nuove piante e a generare frutti che avranno il sapore della condivisione e della cura.

Dopo il lavoro è momento giunta l’ora del ristoro. Sul tavolo sono arrivate le frittelle a base dei prodotti dell’orto, cavoli, bietole ed erbe aromatiche, preparate dalle sapienti mani della mamma di un ortista del Centro Diurno. Gli ospiti del centro hanno partecipato alla raccolta e alla preparazione, imparando un nuovo modo portare in tavola i prodotti del loro orto. Gli altri ortisti non sono certo rimasti a guardare: Pino ha cucinato nel suo ristorante il tipico pane e panelle,  mentre Valentina ha preparato una torta di mele.

La ciliegina su questa giornata è stata il gioco. Tutti i partecipanti sono stati coinvolti in una “caccia al tesoro agricola”.

Gli ingredienti per una festa con i fiocchi c’erano davvero tutti: musica, buon cibo, lettura, cultura agricola e gioco. Ma nulla di tutto questo avrebbe avuto senso senza tutte le persone che hanno partecipato. Non solo a questo momento di festa, ma anche e soprattutto ai momenti di fatica che oggi ci rendono orgogliosi di questo splendido risultato.

Grazie di cuore a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *