Con Sesamo si apre un futuro per due giovani migranti

Cooperazione e sviluppo sostenibile per una “Lampedusa resiliente”
28 Gennaio 2019
Gabriella Bonini: “Per capire l’agricoltura, studiate Emilio Sereni”
5 Febbraio 2019

La nuova avventura di Terra! ha due protagonisti: Joshua e Boubou, due ragazzi venuti dalla Nigeria e dal Mali nel nostro paese e sottratti a un destino di marginalità sociale. Grazie al progetto “Sesamo – Agricoltori migranti alla Scuola Emilio Sereni“, abbiamo potuto avviare un percorso di inclusione sociale attraverso la formazione sui temi dell’ecologia, dell’agricoltura sostenibile e l’inserimento lavorativo in una realtà virtuosa. Sesamo è un altro esempio di come concretizzare le attività svolte in questi anni lungo due direttrici: da un lato quella delle ricerche e campagne sul caporalato e le filiere agroalimentari, dall’altro quella della formazione in agricoltura ecologica per i giovani.

“Sesamo” infatti – realizzato con il contributo della Fondazione Nazionale delle Comunicazioni –  coinvolge giovani a rischio sfruttamento per offrire loro una opportunità grazie alla formazione e a un tirocinio retribuito. Il percorso formativo, della durata complessiva di 5 mesi, prevede una fase teorica in aula e una parte pratica in azienda. Tutte le fasi del processo formativo sono seguite da un coordinatore di progetto, un tutor, un comitato scientifico, personale esperto nella didattica e dallo staff di Terra!.

Ad accogliere Joshua e Boubou sarà EquiAzione, associazione che opera sul territorio di Roma e dei Castelli Romani. EquiAzione ospita e recupera cavalli sottratti allo sfruttamento nelle corse, con l’obiettivo di ricostruire una relazione più autentica tra loro e le persone, e promuovere poi attività di terapia ed educazione assistita con gli animali. Grazie allo staff dell’associazione ospitante, Joshua e Boubou saranno accompagnati nell’adattamento, avranno a disposizione una casa vera e si divideranno i compiti di accoglienza turistica, cura dell’orto e dei cavalli in base alle proprie inclinazioni.

Un nuovo inizio di cui avevano bisogno e al quale avevano diritto, per tornare a sognare un futuro diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *