I protagonisti

Impact Journalism – I vincitori del 2017
3 Febbraio 2020
La formazione
14 Febbraio 2020

Hamza viene dal Togo, ha 30 anni ed è un appassionato di calcio. Nel suo paese trascorreva le giornate fra la scuola coranica e lavori saltuari come elettricista e meccanico. Poi, il viaggio in Italia, l’approdo al ghetto di Borgo Tre Titoli (vicino a Cerignola) e il tuffo in una spirale di sfruttamento lavorativo. Prima di incontrare Terra!, Hamza si guadagnava da vivere come bracciante, un lavoro precario e sottopagato, talvolta con la mediazione dei caporali. Ma la sua speranza di restare in Italia è ancora viva. “Mi piacerebbe vivere a Milano e lavorare come magazziniere”, ci ha detto.

 


Niang va per i 40 anni ma ne dimostra decisamente di meno. Forse perché è un tipo sportivo: a Cerignola, dove attualmente risiede in condivisione con altri, spesso trascorre il tempo libero andando a correre. E’ venuto dal Senegal, dove ancora vivono i suoi genitori, la moglie e la bimba. Quando lo abbiamo conosciuto viveva alla giornata tra ambulantato e lavoro in campagna. Nel suo paese lavorava come commerciante: “Vendevo scarpe – racconta – ma non solo. Per sopravvivere ho venduto qualunque cosa, anche cibo”. Nel futuro, spera di realizzare un sogno tutto particolare: diventare un attore comico, come Checco Zalone.

 


Adam viene dal ‘Senegambia’ – una crasi da lui ideata fra Senegal e Gambia – ed è arrivato in Italia tre anni fa. Ha vissuto fino a poco tempo fa al ghetto di Borgo Mezzanone, tra Foggia e Cerignola. Si tratta del più grande insediamento informale presente nel nostro paese, che accoglie braccianti agricoli, senza fissa dimora, persone emarginate. “E’ stata la mia casa per anni, la prima da quando sono arrivato in Italia”. Nonostante il lavoro sfruttato nei campi, nonstante il freddo e la scarsità di acqua, cibo ed energia elettrica, Adam ha coltivato la passione per la musica rap. “Mi piace la musica perché continuo a credere che possa cambiare il mondo”, ci dice. Per questo, è entrato a far parte della nostra Orchestra dei Braccianti, e grazie a “IN CAMPO! Senza caporale” ha l’opportunità di fare un tirocinio nella scuola di rap promossa da Cies nell’ambito del suo progetto Matemù.


Mbaye – In aggiornamento

 

 

 

 


Paap è uno dei “senatori” del progetto “IN CAMPO! Senza caporale”. E’ dovuto partire dal Senegal – dove studiava e lavorava come panettiere – nel 2003, arrivando con il visto in Francia. Ha vissuto a Ventimiglia e Genova prima di arrivare a Foggia e lavorare come venditore ambulante. Oggi ha 44 anni e, dopo aver lavorato come mediatore culturale a Cerignola e ave partecipato al primo progetto di Terra!, ha deciso di ripetere l’esperienza. Questa volta, però, metterà in gioco le sue competenze di mediatore, per rafforzare la nuova edizione di “IN CAMPO!” e aiutare i tirocinanti durante la formazione e il tirocinio nelle aziende ospitanti.

 


 

Le aziende ospitanti

 

Cooperativa Sociale Altereco. Nasce nel 2008 e dal 2011 gestisce Terra Aut, un bene confiscato alla mafia sito a Cerignola (FG) in Contrada Scarfone. La cooperativa unisce giovani impegnati nella promozione e sensibilizzazione di temi quali l’agricoltura sociale e sostenibile, l’antimafia sociale e l’intercultura. Nei suoi terreni sorgono un orto invernale ed uno estivo e sono presenti ulivi e alberi da frutto da cui vengono prodotti ogni anno olio extravergine di oliva, confetture di uva, ciliegie e prodotti trasformati. Per il progetto “IN CAMPO” coordina il network di aziende ospitanti grazie al lavoro di Vincenzo Pugliese, il suo presidente.


Azienda agricola Rosaria Scalera.


Azienda agricola Domenico Russo. Dopo una laurea in economia aziendale e tre anni di pratica da dottore commercialista, Domenico decide di tornare alla terra e nel 2017 acquista otto ettari di terreni nell’agro di Cerignola (FG). Oggi conduce un’azienda di 14 ettari producendo uva da vino e da tavola, pesche, nettarine, albicocche ed olive.


Azienda Aquamela bio. L’azienda agricola di Vito Merra nasce nel 2005. In un’estensione di 23 ettari si producono in regime bio cereali, olive Coratina e uva Garganega bio. L’azienda commercializza olio e olive Bella di Cerignola a marchio Aquamela bio, nome della località in cui si trovano sei ettari di oliveto.


Cooperativa Sociale Pietra di Scarto. Nasce nel 1996 a Cerignola (FG) su tre ettari confiscati ad un affiliato di uno dei clan foggiani di riferimento negli anni ’80 con l’obiettivo di realizzare l’inserimento lavorativo di persone in difficoltà. La cooperativa produce olive Bella di Cerignola e pomodori. Dal 2019 ha iniziato i lavori per dar vita a un laboratorio di trasformazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *