Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Venerdì, 14 Ottobre 2011 10:26

Terra! partecipa a "Fa la cosa giusta" di Genova con due laboratori

altQuesto fine settimana, il 14, 15, 16 Ottobre a Genova, in occasione della fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili "Fa la cosa giusta", l'associazione Terra! ha organizzato due workshop. Sabato 15 ottobre alle ore 14,00 si svolgerà il seminario sull' agricoltura sociale organizzato insieme alla Cooperativa Coserco, a cui parteciperanno diversi attori sociali coinvolti nella progettazione agricola insieme a ragazzi e persone disabili. L’incontro sulla mobilità, organizzato insieme a Legambiente, verterà sulle “Zone 30”, e si svolgerà domenica alle 14,00.

Questi laboratori hanno l’ambizione di essere il primo passo per iniziare un percorso comune basato sul buon senso e la sostenibilità, sulla rete orizzontale e sulla partecipazione, e sono strutturati per coinvolgere la popolazione, e i rappresentanti delle istituzioni e della società civile.



Il seminario sull’agricoltura sociale presenterà il progetto che Terra! sta lanciando insieme a Coserco  nella residenza sanitaria assistenziale per disabili "Germana Costa", in cui sono coinvolti educatori e ragazzi. Gli operatori di Terra! progetteranno un impianto orticolo attento alle esigenze dei ragazzi, adottando accorgimenti per rendere più agevole la raccolta e agevolare il percorso con le carrozzelle. Si tratta di uno dei primi esperimenti del genere in Liguria.
Il seminario sulla mobilità presenterà le "Zone 30", soluzioni architettoniche applicate in ambito urbano per ridurre la velocità dei mezzi motorizzati (30 km/h): la carreggiata è equamente distribuita tra pedoni ciclisti e automobilisti, vengono inserite barriere visive/architettoniche (alberi, panchine, parcheggi biciclette ecc.) atte a ridurre la velocità, e dunque inquinamento, rumore e tasso di incidentalità. In questo modo, pezzi di città o singoli tratti di strada tornano a essere più vivibili per tutti, non solo per l'automobilista.
In Europa queste soluzioni sono già integrate in alcune sezioni del tessuto urbano, e i risultati sono positivi sotto molti punti di vista, tanto da poter considerare le Zone 30 come una delle soluzioni al sempre più pesante problema della mobilità urbana.
L'intenzione di questo laboratorio è quella di provare a creare un confronto aperto tra le realtà interessate, sicuramente eterogenee, e capire se e come iniziare a lavorare in maniera seria e coordinata sulle Zone 30 anche in Italia; altro obiettivo è iniziare a tessere reti di collaborazione locali e/o nazionali, che ne chiedano la progettazione e la realizzazione.
Il seminario sull'agricoltura sociale sarà sabato dalle 11.30 alle13.00 (Aula 1) mentre l'incontro sulla mobilità sostenibile è fissata per domenica 16 ottobre dalle ore 14,00 alle 15,30 (Aula 2).