Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Venerdì, 19 Febbraio 2010 00:17

Terra! e Guerrilla Gardening insieme per dire no al degrado delle aree verdi

Coniglio di Terra!TERRA! ONLUS E GUERRILLA GARDENING INSIEME PER DIRE NO AL DEGRADO DELLE AREE VERDI E PER PER AIUTARE I CITTADINI GENOVESI A VALORIZZARE SPAZI PUBBLICI ED AIUOLE INCOLTE.


Bombe di semi, piante e fiori saranno gli argomenti di discussione che il gruppo genovese di Terra! tratterà insieme agli attivisti di Guerrilla Gardening venerdi 19 febbraio alle ore 16,30 nella facoltà di Architettura, sala Benvenuto.
Terra! Associazione ambientalista ormai nota nel panorama genovese per la realizzazione di orti in agricoltura sinergica e di compostiere collettive, dedica un pomeriggio ai fondatori del movimento ecologista ormai famoso in tutta Italia, ideatori del motto: “libera il giardiniere che c'è in te!”


Il Guerrilla Gardening è una forma di giardinaggio politico e di azione non violenta. Gli attivisti si ispirano alla cura della terra, all'uso sostenibile delle risorse naturali e degli insediamenti umani.
Il movimento ecologista, ormai famoso in tutto il mondo, è arrivato anche nel nostro paese da diversi anni.
Andrea Trasi e Michele Zabiello, che in Italia sono stati i catalizzatori di questo movimento, saranno presenti con foto e proiezioni di video, alla Facoltà di Architettura di Genova che ha dato piena disponibilità all'evento.



Moderatore dell'incontro sarà Giorgio Boratto, un “guerrilliero verde” d'eccezione, giornalista di Mentelocale, ha seguito con passione la sezione sul verde urbano del magazine on-line, portando alla luce realtà sconosciute tra i forti ed i vicoli, ed altri paesaggi genovesi.


Gli “attacchi verdi”, così sono chiamati i blitz notturni compiuti dagli attivisti, hanno l'obiettivo di riqualificare uno spazio urbano in una notte. Piante, fiori, pale e vanghe sono gli strumenti necessari per ridare vita ad un pezzo di terra tra il cemento. Naturalmente e' possibile organizzare anche azioni “allo scoperto” per poter meglio coinvolgere abitanti e comunità locali.
“Vogliamo che questo incontro, infatti, non sia solo informativo” - afferma Giorgia Bocca - portavoce del gruppo genovese di Terra! “Quello che abbiamo proposto già ai Municipi è l'affido coordinato di terreni ed aiuole da assegnare ad associazioni e cittadini.”
Gli spazi incolti, possono essere valorizzati e diventare “spazi di comunicazione attiva” che permetterebbe di lanciare messaggi si sensibilizzazione e dare una boccata d'aria alle amministrazione locali che non riescono a sostenere le spese di manutenzione a volte eccessive e inutili. Un problema, quello della manutenzione del verde pubblico, molto sentito dai genovesi che sperano nelle nuove proposte del PUC.
Il nuovo documento, infatti, presentato proprio in questi giorni nei Municipi, propone di “realizzare una rete di spazi verdi pubblici e favorire il recupero di spazi urbani da restituire alla collettività”.

“Per questo motivo chiediamo ai cittadini” - aggiunge Giorgia Bocca - “di partecipare all'incontro e di compilare un questionario che ci permetterà di definire meglio fasi, tempi e risorse disponibili per dare inizio ad un progetto di riqualificazione delle aiuole genovesi”.


Per Informazioni:
Giorgia Bocca 3474605458
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." ' + path + '\'' + prefix + ':' + addy20755 + '\'>'+addy_text20755+'<\/a>'; //-->
www.terraonlus.it/genova/
icon Volantino guerrilla gardening 19-02-2010 (47.39 kB)