Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Martedì, 19 Novembre 2013 12:36

Orti Urbani - La rete degli orti urbani presenta una proposta di linee guida all'amministrazione di Roma capitale

Dopo la presentazione del documento “LINEE GUIDA per la gestione degli ORTI URBANI e dei GIARDINI CONDIVISI a Roma” (v. allegato) , alla presenza del vice Sindaco Luigi Nieri e del capo gruppo di Sel Gianluca Peciola, la Rete degli orti, di cui Terra!Onlus è parte, ha avuto modo di presentare le linee guida anche nel corso di un’audizione in Commissione Ambiente, alla presenza del presidente della commissione Athos De Luca, dell’assessore Estella Marino, oltre che alla presenza dei consiglieri, Azuni, Bordoni, Stefàno.

“Questi due incontri rappresentano un atto di fiducia nei confronti dell’amministrazione comunale cui abbiamo affidato un documento frutto di un percorso lungo e partecipato che ha coinvolto decine di realtà presenti sul territorio”, dichiarano i rappresentanti della Rete. “Ci auguriamo che l’amministrazione faccia proprie le indicazioni ricevute e avvii un processo di partecipazione in cui il Regolamento rappresenta solo un primo passo verso la valorizzazione di una realtà in forte crescita.”

Sono oltre 150 le realtà già esistenti sul territorio censite dal 2009 a oggi da Zappata Romana, e il ruolo sociale di queste esperienze è di indiscusso valore, come  emerso nel corso dell'incontro “Ortopanoramica – stati generali degli orti urbani”.
Il presidio del territorio, delle aree verdi troppo spesso lasciate al degrado, oggetto di speculazione edilizia e relega a luoghi d’insicurezza, rappresenta la risposta dei cittadini a tutto questo.

E’ necessario aumentare il livello di agibilità delle esperienze orticole, sia per quelle già in essere che per quelle in via di realizzazione, e in parallelo per la questione, molto più impegnativa, delle Terre Pubbliche e dei relativi bandi per l’accesso alla terra da parte di giovani agricoltori.
In questo senso le Linee guida rappresentano una tappa intermedia verso un percorso di conversione agricola del Comune di Roma.

Sarà compito dell’amministrazione capitolina presentare una delibera che tenga conto delle linee guida presentate e cogliere il valore del processo partecipativo che c’è stato.

Allegato : LineeguidapOGC-finale_Nov_2013-1.pdf