Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Lunedì, 15 Dicembre 2014 00:00

Natale in Testa - giornata di festa e solidarietà meticcia a Tor Sapienza

E' attraverso le parole del Signor Nicola Marcucci, storico fondatore del centro Michele Testa Tor Sapienza di Roma, che abbiamo deciso di raccontarvi il senso di una giornata speciale come è stata quella di ieri, organizzata con gli amici di Popica Onlus.

Grazie a tutti per essere venuti, grazie ai tanti bambini e al loro sorriso ma soprattutto grazie alle persone come Nicola che da decenni si battono per rendere Roma una città migliore! 

 

"Carissimi tutti, voglio inviare un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato ieri alla manifestazione "Natale in testa" e a tutti coloro che l'hanno resa possibile. Mi sono commosso, mi sono divertito, ho imparato moltissimo e forse anche un po' insegnato. Che cosa si può desiderare di più dalla vita? Ma quello che mi ha colpito di più è il fatto che abbia funzionato un collettivo, un modello organizzativo che bisogna riprodurre in tutte le possibili situazioni, un modello di coesione e inclusione sociale, un modello di pluralismo culturale e politico, un modello di varietà di occasioni. E poi, tanti bambini, tanti giovani, tante mamme e qualche papà e qualche nonno, tante numerose persone, proprio tante, tanti progetti, tanti sogni a occhi aperti, con un ambiente dove era lecito pensare che tutto si potesse realizzare e concretizzare, e in ogni momento, con gli uomini e le donne giuste per qualsiasi desiderio lecito e fattibile. Sicuramente era presente e agiva la Tor Sapienza migliore, che si sposa a meraviglia con quella di Metropoliz, del Morandi e di Via Salviati. 10, 100, 1000 di questa feste ed occasioni d'incontri, fino ad immaginarne una in cui tutta Roma e tutto il mondo dovrà sapere che in questa parte di Roma si è avviata e si sta avviando un grande progetto d'inclusione sociale, a partire dal I° bambino che nascerà nel territorio al quale cercheremo di assicurare tutte le tutele e gli affetti di cui dovrebbe godere qualsiasi bambino di qualsiasi religione, etnia, cultura, ceto sociale che nasca sul Pianeta Terra. Andiamo avanti tutti insieme per costruire una società in cui ciascuno dia secondo possibilità e riceva secondo necessità. E il mondo ci guarderà non solo per aver fatto la cosa più invereconda possibile ed immaginabile, una cosa per la quale il fondatore di Tor Sapienza starà piangendo lacrime di sangue. Grazie, grazie, grazie. Un bacione e un abbraccio a tutti. Nicola Marcucci"