Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Giovedì, 06 Luglio 2017 16:15

Proseguono le attività di formazione del progetto “Oltre l’orto”

Sui terreni di via Appia Pignatelli proseguono le attività di formazione del progettoOltre l’orto”, realizzato da Terra! e sostenuto con i fondi Otto per mille della Tavola Valdese (http://www.ottopermillevaldese.org).

Il percorso di formazione ha l’obiettivo di porre l’orto urbano al centro dell’esperienza dei partecipanti, consentendo loro di migliorare le proprie competenze agricole, condividere esperienze e affrontare insieme le criticità, per sviluppare una conoscenza più approfondita nel campo dell’agricoltura urbana e non solo. L’obiettivo è mettere gli ortisti in condizione di poter diffondere un sapere comune.

La fase iniziale ha previsto la somministrazione di questionari per avere un quadro delle competenze medie di ciascun ortista. Sulla base dei risultati, è stato possibile selezionare insieme gli elementi da approfondire: ad esempio, è stato affrontato il tema dell’autoproduzione delle piantine attraverso il semenzaio, oppure le modalità ottimali per l’irrigazione dei terreni. In totale, finora sono state svolte 9 giornate di formazione, durante le quali parte del tempo è stato dedicato alla costruzione di una struttura in legno dedicata agli incontri. Gli ortisti sono stati accompagnati anche durante una serie di attività pratiche, come la lavorazione del terreno, la sarchiatura, la pacciamatura e la successiva cura delle piante con metodi biologici.

L’orticoltura urbana è un fenomeno in crescita nelle aree metropolitane di tutto il mondo. Oggi, da pratica individuale, l’orto cittadino sta entrando sempre più all’interno delle strategie di valorizzazione dei Comuni. Gli orti urbani, infatti, sono un importante mezzo per migliorare la qualità della vita in ambienti urbani, riallacciare il rapporto con la natura e sviluppare competenze che altrimenti resterebbero appannaggio dei soli agricoltori “professionisti”. Infine, possono trasformarsi in un piccolo volano di economia locale.