Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Martedì, 04 Novembre 2014 12:21

Il comune di Roma assegna le prime terre pubbliche ai giovani agricoltori – Coop. Coraggio vince Borghetto San Carlo

Oggi è una giornata storica.

Il comune di Roma assegna le prime tre aree agricole, e i relativi immobili rurali, del bando comunale sulle terre pubbliche ai giovani agricoltori e Borghetto San Carlo, il luogo simbolo di questa battaglia, è stato assegnato alla Cooperativa Agricola Coraggio che ha vinto con il progetto migliore.


Un risultato bellissimo e importante per il quale abbiamo lavorato in tanti, anche quando nessuno sembrava crederci. Insieme all'Associazione daSud, infatti, abbiamo sostenuto questo percorso, a partire dalle 10.000 firme raccolte in poche settimane, quando in tanti dicevano che non ce l'avremmo mai fatta perchè quel terreno era di un palazzinaro, figlio di una compensazione, figurarsi se era possibile assegnarlo a dei giovani agricoltori!

E invece abbiamo dimostrato che quella battaglia non era solo di testimonianza ma poteva creare un'idea nuova di città, dove l'agricoltura torna a svolgere quella funzione sociale e ambientale che c'eravamo dimenticati, dove il patrimonio agricolo rimane pubblico e dove le cooperative di giovani vengono accompagnate in questo percorso.

L'amministrazione comunale ha deciso di crederci e di questo va dato il merito a Ignazio Marino, Luigi Nieri ed Estella Marino. 
Ecco, ora il Governo Renzi dovrebbe prendere esempio, stralciando il decreto #terrevive e facendo un copia/incolla di quanto sta avvenendo a Roma.
Ma per oggi prendiamoci il tempo per festeggiare.

A Giacomo e a tutta la Coraggio va il nostro in bocca al lupo, sapendo che questa battaglia la continueremo insieme. Da domani saremo al lavoro per portare avanti il protocollo di intesa con la cooperativa per realizzare insieme gli orti urbani, la semeteca e garantire un approvvigionamento di legno certificato che non venga da pratiche di deforestazione.