Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Lunedì, 15 Maggio 2017 15:45

Un tweetstorm per fermare le aste on line della grande distribuzione

Si avvicina una nuova stagione di raccolta del pomodoro, e ancora una volta gli spettri del caporalato e dello sfruttamento aleggiano sui campi di tutta Italia. Con l’ultimo rapporto #FilieraSporca e la campagna #ASTEnetevi, abbiamo mostrato che queste minacce vengono da lontano, a partire dai primi anelli della filiera produttiva. Svelando il sistema delle aste on line al doppio ribasso della grande distribuzione, abbiamo fatto un passo avanti importante. Abbiamo individuato uno dei meccanismi che contribuiscono in maniera determinante a comprimere i prezzi di produzione, scaricando gli effetti negativi sugli agricoltori e sui braccianti. 

Tantissime persone hanno firmato la nostra lettera rivolta al Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, e ai gruppi della grande distribuzione (bit.ly/ASTEnetevi_firma). Ora pensiamo sia venuto il momento di rilanciare la mobilitazione con un tweetstorm il 17 maggio alle 12.

Abbiamo preparato alcune bozze di tweet, così da rendere più semplice la partecipazione. Copiali e incollali sul tuo account personale oppure rilancia quelli lanciati da @TerraOnlus.

Insieme possiamo farcela!

Caro @maumartina, il tempo è scaduto! Fermiamo le aste on line sui prodotti alimentari! #ASTEnetevi http://bit.ly/ASTEnetevi_lettera

Aste on line e #caporalato due facce della stessa medaglia: fermiamole @maumartina! #ASTEnetevi http://bit.ly/ASTEnetevi_lettera

.@maumartina difendiamo l'agricoltura dai ribassi della grande distribuzione! #ASTEnetevi http://bit.ly/ASTEnetevi_lettera

Chi schiaccia i prezzi del cibo schiaccia l'agricoltura! @maumartina fermiamo le aste dei supermercati! #ASTEnetevi http://bit.ly/ASTEnetevi_lettera

 

Letto 445 volte