Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Mercoledì, 07 Giugno 2017 17:35

Scuola Emilio Sereni: si chiude con successo il primo ciclo di formazione

Con una festa presso l’azienda agricola “Il Felcetone” la Scuola diffusa della Terra – Emilio Sereni ha concluso il suo primo ciclo di formazione in agricoltura ecologica. Sono state quattro settimane intense, che hanno regalato emozioni ed esperienze a tutti: partecipanti, docenti e aziende partner. Il bilancio è più che positivo: dopo aver selezionato in aprile 17 giovani aspiranti agricoltori provenienti da diverse regioni d’Italia, sono stati coinvolti 30 docenti in 80 ore di lezione a Roma. Esaurita la parte teorica, i ragazzi si sono divisi in tre gruppi, decidendo dove affrontare la fase pratica con un processo partecipato. Cinque di loro si sono recati sulle alture di Genova, presso l’azienda agricola “La Tabacca”, altrettanti hanno preso la via del Monte Amiata per stabilirsi presso “Il Felcetone” e sette sono rimasti presso la “Cooperativa Co.r.ag.gio” a nord di Roma. In queste realtà hanno potuto conoscere da vicino le tecniche di agricoltura naturale, zootecnia e agricoltura multifunzionale, stringere legami di amicizia e approfondire la conoscenza dei responsabili delle aziende.

Dal 10 giugno iniziano i tre tirocini con borsa lavoro, che premiano un giovane per ciascuna azienda partner. Dureranno 6 mesi per “La Tabacca” e la “Coop Co.r.ag.gio” e un anno per “Il Felcetone”. 

Così, la promessa di riavvicinare i giovani all’agricoltura, supportando al contempo un modello sostenibile, è mantenuta. Ma è soltanto l’inizio: Terra! seguirà da vicino il percorso dei tre tirocinanti per raccontare la loro crescita professionale, mentre il prossimo anno un secondo ciclo di formazione animerà la Scuola Emilio Sereni, con ragazzi volenterosi, nuove docenze e il supporto fondamentale del comitato scientifico. Perché anche l’agricoltura ecologica non può prescindere dalla ricerca costante e dall’innovazione.