Filiera Sporca

La campagna #FilieraSporca, nata in collaborazione con l’associazione daSud e Terrelibere.org, ha l’obiettivo di ricostruire il percorso dei prodotti agroalimentari dal campo allo scaffale del supermercato, individuando le distorsioni che possono favorire fenomeni di sfruttamento lavorativo e caporalato.

#FilieraSporca propone la trasparenza delle filiere agroalimentari, dalla Grande distribuzione organizzata alle multinazionali, attraverso l’introduzione di una etichetta narrante e l’elenco pubblico dei fornitori, perché informazioni chiare permettono ai consumatori di scegliere prodotti più “puliti” e sostenibili. 

La campagna e le attività di #FilieraSporca sono finanziate da Fondazione Charlemagne, The Nando and Elsa PerettiFoundation e Open SocietyFoundations.

Scarica i nostri rapporti  

Rapporto arancia 2015, sostenuto da Open SocietyFoundations

Rapporto arancia 2016, sostenuto da Open SocietyFoundations

Rapporto pomodoro 2016, sostenuto da The Nando and Elsa PerettiFoundations

News

19 Gennaio 2019

La risposta di Terra! all’editoriale del Corriere sul caporalato

Negli ultimi tre anni abbiamo percorso in lungo e in largo l’Italia, per raccontare cause ed effetti dello sfruttamento del lavoro in agricoltura. Abbiamo realizzato inchieste, […]
19 Novembre 2018

Lavoro grigio: il prezzo occulto del cibo a basso costo

Di Fabio Ciconte e Stefano Liberti per Internazionale   L’uomo allunga sul tavolo la busta paga. Sul modulo Inail sono indicate cinque giornate di lavoro per […]
25 Luglio 2018

Se i discount mettono all’asta l’agricoltura italiana

Di Fabio Ciconte e Stefano Liberti per Internazionale   L’offerta è di quelle irrinunciabili: una bottiglia di passata di pomodoro a 39 centesimi di euro, un […]