Filiera Sporca

La campagna #FilieraSporca, nata in collaborazione con l’associazione daSud e Terrelibere.org, ha l’obiettivo di ricostruire il percorso dei prodotti agroalimentari dal campo allo scaffale del supermercato, individuando le distorsioni che possono favorire fenomeni di sfruttamento lavorativo e caporalato.

#FilieraSporca propone la trasparenza delle filiere agroalimentari, dalla Grande distribuzione organizzata alle multinazionali, attraverso l’introduzione di una etichetta narrante e l’elenco pubblico dei fornitori, perché informazioni chiare permettono ai consumatori di scegliere prodotti più “puliti” e sostenibili. 

La campagna e le attività di #FilieraSporca sono finanziate da Fondazione Charlemagne, The Nando and Elsa PerettiFoundation e Open SocietyFoundations.

Scarica i nostri rapporti  

Rapporto arancia 2015, sostenuto da Open SocietyFoundations

Rapporto arancia 2016, sostenuto da Open SocietyFoundations

Rapporto pomodoro 2016, sostenuto da The Nando and Elsa PerettiFoundations

News

20 Marzo 2020

Regolarizzare i braccianti stranieri per proteggerli dal Coronavirus e dal caporalato

Una sanatoria contro il Coronavirus, per garantire l’accesso alle cure e al lavoro pulito a chi vive nei ghetti del nostro paese. Questa la proposta lanciata […]
3 Marzo 2020

Terra! incontra la Ministra Bellanova: subito la legge contro le aste al ribasso

La battaglia contro il caporalato è ancora lunga e si combatte su più livelli. Dal campo allo scaffale, le responsabilità sono tante e le relazioni complesse. Ma conoscerle […]
7 Marzo 2019

Aste al ribasso: cosa è successo dopo le nostre denunce

“Se ci sono già delle proposte di legge è il Parlamento che deve trattarle. Disponibile a partecipare al dibattito, ma è compito del Parlamento”. Queste parole […]