Food Business

La campagna Food Business prende le mosse da un’inchiesta condotta da Stefano Liberti e sfociata nel libro “I signori del cibo”, edito da Minimum Fax. La ricerca ha mappato quattro filiere agroalimentari su scala globale, mettendo a disposizione una base documentale importante per avviare una campagna di comunicazione e pressione che partisse dagli elementi di denuncia per sfociare in proposte attuabili su scala nazionale, con l’intento di porre un argine al degrado ambientale e alla compressione dei diritti nella filiera agroalimentare.

Avviata grazie al sostegno della Fondazione Charlemagne, la campagna Food Business si propone, nell’ambito di #FilieraSporca, di affiancare e rafforzare ulteriormente l’inchiesta di Liberti, mettendo in luce il ruolo dei diversi livelli delle filiere agricole nel deterioramento delle economie locali e individuando le strategie per far emergere il problema

Il libro e l'autore

La filiera del maiale

La filiera della soia

La filiera del tonno

I signori del cibo

 

News

15 novembre 2016

Mercante in Fi(li)era – Un viaggio tra caporalato, sostenibilità e diritti

Da dove proviene il cibo che acquistiamo? Chi lo produce? Cosa si nasconde dietro prezzi invitanti e slogan confortevoli? E’ quello che abbiamo provato a raccontare lunedì […]