Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Approfondisci o accetta con i seguenti pulsanti:

Il report "Riqualificare spazi urbani in modo ecologico" vuole essere un’occasione per contribuire a una riflessione sul tema della riqualificazione degli spazi urbani mediante un approccio ecologico. In particolare abbiamo analizzato il caso degli “Orti comunitari” nel Parco Urbano di Valletta Rio San Pietro a Genova, Cornigliano che l’ associazione Terra!Onlus ha curato dal 2011. 

Il progetto degli “Orti comunitari” nel Parco Urbano di Valletta Rio San Pietro mette in luce un fenomeno molto attuale in Italia ovvero il ritorno alla terra con una accezione urbana per soddisfare un bisogno di cibo e di socialità andato perduto nelle ultime generazioni. 

Questo progetto è esemplificativo del metodo ecologico con cui l’associazione Terra!Onlus si approccia ai territori in cui sviluppa progetti e ne rappresenta le caratteristiche peculiari. I progetti e le attività che l’associazione propone non sono calati dall’alto ma sono il risultato di una attenta analisi territoriale che va a integrarsi con il soddisfacimento dei bisogni della comunità locale con cui va a interagire. 

Pubblicato in SuppORTI urbani

In questi ultimi anni il lavoro di Terra! si è concentrato molto sui temi dell’agricoltura urbana e dell’accesso alla terra, partendo dalla consapevolezza che per salvaguardare l’ambiente, aumentare la biodiversità e ridurre le emissioni in atmosfera, è necessario avere un approccio diverso alla terra e al consumo di suolo.

Per questo motivo martedì, 28 giugno, abbiamo organizzato, a Genova - Palazzo Verde, il convegno “Orti urbani, quale visione per il futuro, per fare un punto su questo fenomeno che ha interessato quasi tutte le maggiori città italiane, negli ultimi anni, con tanti cittadini, rappresentanti di realtà associative e amministratori locali.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Martedì 28 giugno, dalle ore 10 fino al pomeriggio, Terra!Onlus organizza a Genova, presso Palazzo Verde, il convegno “Orti urbani, quale visione per il futuro”.

L’agricoltura urbana ha subito una forte espansione negli ultimi anni, complice la crisi che ha alimentato questo fenomeno. Una crisi di identità culturale, di comunità ed economica.

La necessità di organizzare un convegno sul tema dell'orticoltura urbana nasce, da un lato, dall'esigenza di mettere a confronto diverse esperienze, nate per lo più in modo spontaneo, sopratutto in questi ultimi anni, in numerose città italiane, da singoli cittadini e/o gruppi formali o informali che hanno deciso di organizzarsi per realizzare nei propri quartieri, nei parchi e/o negli spazi abbandonati e non manutenuti, progetti di orti urbani, sottolineandone criticità e benefici; dall'altro, dall'urgenza di analizzare le strategie di pianificazione dei comuni e delle amministrazioni locali che, sempre più, mostrano interesse ad andare incontro a questo fenomeno.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Sabato 21 maggio, a Genova, si è concluso, con un’azione collettiva di guerrilla gardening, che ha portato all’installazione di circa 200 tra piante e fiori nel centro storico, e una festa finale a suon di musica, danze e aperitivo local-eco-swing, “Evviva! Portiamo il verde alla Maddalena”, il primo progetto nato dalle tre realtà presenti nell’eco-coworking L’Altravia, ossia noi di Terra!Onlus, Fair e Yoge.

In poco più di sei mesi di lavoro, l’obiettivo di creare un nuovo immaginario estetico legato alla natura e alla biodiversità all’interno del centro storico di Genova, e in particolare nel Sestiere della Maddalena, attraverso incontri, azioni di cittadinanza attiva, semina collettiva, guerrilla gardening, distribuzione di bulbi e piante, formazione nelle scuole e laboratori artistici, si può dire di essere stato raggiunto pienamente.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Dopo quasi un anno di attività “green” nel centro storico di Genova (quartiere Maddalena), eccoci quasi arrivati alla giornata conclusiva del progetto Evviva! Portiamo il verde alla Maddalena, ideato e realizzato dall'eco-coworking L'Altravia di cui Terra! fa parte.

La festa inizierà nel pomeriggio di sabato 21 maggio, alle ore 16: da Piazza Cernaia per le vie della Maddalena, allestiremo con piante e fiori alcune “nicchie” individuate che popoleranno il quartiere. 

La giornata proseguirà con un piccolo concerto a ritmo di musica ecologica, suonata, cioè, con strumenti inventati e realizzati attraverso materiali di recupero, e si concluderà con un  aperitivo local-eco-swing (assaggi a cura di MEt e La Tabacca e balli anni '40 a cura di Mash Up).

Pubblicato in SuppORTI urbani

Parlare di natura in città, in pieno centro storico, è una vera sfida e anche un importante atto di rivoluzione.

Dal nostro insediamento nell'eco-coworking L'Altravia ci siamo chiesti quale, tra le alte mura della città, ricche di storia e diverse identità, sarebbe stato il valore aggiunto della nostra presenza in un luogo e un terreno per noi inesplorato, come era quello del centro di Genova. Portare il verde negli spazi grigi del nostro pianeta è l’azione che più ci viene spontanea fare. Creare partecipazione e comunità intorno ad azioni di questa natura è il modo in cui lo facciamo. Promuovere una cultura ambientalista tra i cittadini ci sembra il modo migliore per avviare un profondo cambiamento nella società civile.

La devastazione della natura in città è un danno pesantissimo che ci portiamo dietro ormai da almeno due generazioni, una perdita incalcolabile dovuta a un susseguirsi di scelte inadatte che ha comportato smarrimento e disagio. Per questo motivo, a Genova, abbiamo scelto di lavorare su Evviva! Portiamo il verde alla Maddalena, un progetto nato per colmare questo vuoto di tutela ambientale,  per parlare di biodiversità in un luogo ricco di diversità e per motivare i cittadini a condividere la cura verso degli esseri viventi: le piante.

Pubblicato in SuppORTI urbani

All’interno del progetto Evviva! Portiamo il verde alla Maddalena, promosso dall'AltraVia (Terra!Onlus, Fair e Yoge), sabato 2 aprile, dalle ore 10, abbiamo organizzato tre attività rivolte a grandi e piccoli per stimolare riflessioni e pratiche sul tema della biodiversità naturale e culturale, nel centro storico di Genova.

Il progetto - sostenuto dal Comune di Genova e finanziato dalla Compagnia di San Paolo - ha l’obiettivo di creare un nuovo immaginario estetico legato alla natura e alla biodiversità all’interno del centro storico e in particolare nel Sestiere della Maddalena.

Attraverso azioni di cittadinanza attiva, semina collettiva, formazione nelle scuole e laboratori artistici costruiremo “nicchie verdi” in punti strategici del Sestiere della Maddalena dove saranno installate piante, fiori e manufatti artistici elaborati durante il progetto con l’impiego di latte riciclate e rigenerate. Al centro il rapporto di cura con la terra e il territorio, possibile solo grazie a un processo di cittadinanza attiva e diffusa. E alla costruzione di una visione condivisa di una città più ecologica, (bio)diversa e solidale.

Pubblicato in SuppORTI urbani

copertina libro orchidee"Le orchidee spontanee della Liguria" è un libro scritto da Mario Calbi e Stefano Marsili.
Mario Calbi, grande appassionato di botanica, è un vero amico di Terra!Onlus. Oltre a collaborare con la nostra associazione in moltissimi progetti, Mario ha deciso di farci un regalo donando 50 copie di questo libro per sostenere le nostre attività quotidiane. Un gesto di generosità davvero bello e di cui lo ringraziamo infinitamente.

Obiettivo di questa pubblicazione è quello di fornire un prodotto editoriale nuovo per chi è già esperto del mondo delle orchidee e di permettere nello stesso tempo ai “semplici” appassionati, naturalisti, escursionisti, di poter fruire di uno strumento realmente utile e pratico per conoscere e riconoscere sul campo la varietà delle specie liguri avvicinando chi, per la prima volta, scopre questa piccola ma straordinaria fetta di biodiversità italiana e ligure.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Il progetto PO.PE.Y.E, Positive People for Youth Empowerment - capofila Nuovi Profili, ideato dalla rete partner Istituto Comprensivo Marassi, Ass. Nuovi Profili, Pape Laboratorio artigianale, Coop. Fair, Terra!Onlus e Cooperativa Gente di Mare - propone un percorso di educazione alternativa rivolto alle scuole superiori e medie della zona di Marassi, Genova,  con l'obiettivo sensibilizzare i beneficiari su stili di vita etici e sviluppare una maggiore consapevolezza sugli effetti che derivano dalle scelte e azioni quotidiane di ognuno. 

Pubblicato in SuppORTI urbani

Il progetto “Evviva! Portiamo il verde alla Maddalena” è il primo progetto di attivazione territoriale promosso da L’Altravia, che vede coinvolte le tre realtà che la animano ogni giorno: noi di Terra!Onlus, Fair e Yoge.

Il progetto, che sarà realizzato da novembre 2015 fino all'estate 2016, mira a portare il verde, la natura, nello storico quartiere della Maddalena, a Genova, coinvolgendo l'intero territorio e sensibilizzandolo rispetto alla cura di organismi viventi: le piante.

Una sfida importante per un territorio così fortemente urbanizzato, dove la natura spesso viene considerata solo come un'appendice estetica.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Oggi pomeriggio Terra! e il Centro diurno La Magnolia hanno festeggiato insieme il "Preboggion" della Liguria!

Molti di voi si chiederanno: cosa è il "Preboggion"? Il "Preboggion" è un mix di erbe spontanee e commestibili che vengono fuse in un unico armonioso ingrediente da utilizzare in cucina e che è possibile trovare facilmente nei territori della Liguria. Le più conosciute sono raperonzolo, ortica, borragine, pimpinella e costituiscono un patrimonio di saperi e sapori davvero tipici della cultura genovese.

A questo punto vi starete chiedendo, però, cosa c'entra il "Preboggion" con Terra! e i ragazzi del Centro La Magnolia di Genova? C'entra eccome. Già perché all'interno del progetto “Profumi, sapori e colori agli orti urbani di Valletta Rio San Pietro”, finanziato dalla Regione Liguria nell’ambito del progetto "Costruiamo una Liguria verde, sicura per tutti", Terra! ha organizzato numerose attività, insieme ai ragazzi con disabilità del Centro, strutturate in due percorsi. Uno di questi due percorsi, il "Preboggion" appunto, ha previsto l'organizzazione di diversi incontri nel corso dei quali è stato possibile approfondire la conoscenza di queste erbe spontanee tipiche del territorio ligure.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Genova - Il nuovo regolamento per l'assegnazione e la gestione degli orti urbani a Genova è il risultato di un lavoro partecipato durato due anni e che vince su diversi aspetti.

Sulla partecipazione, perché testimonia come politica locale e società civile possano, insieme, costruire strumenti a tutela del bene comune.

Sulla natura, perché finalmente nero su bianco sono state scritte parole importanti come fertilità del suolo, agricoltura sinergica, compostaggio, recupero, parole che lentamente entrano quindi a far parte del linguaggio comune.

Pubblicato in Land sharing
Venerdì, 19 Giugno 2015 16:06

#FilieraSporca - iniziano le presentazioni

Iniziano questa settimana le presentazioni della campagna Filiera Sporca a Roma, Cagliari, Genova, Torino e in tante altre città. 
 
Nell’anno di Expo 2015, #FilieraSporca ha l’ambizione di sollecitare istituzioni e imprese per ribadire che non si può “nutrire il pianeta” sfruttando il lavoro e l’agricoltura. Decine di inchieste, documentari, reportage, hanno infatti raccontato cosa succede nei campi, le tendopoli, la schiavitù. Ma che fine fanno i prodotti raccolti in quei campi e qual è la responsabilità delle multinazionali, della grande distribuzione, dei commercianti, dei produttori, delle aziende di trasporti, delle agenzie internazionali di lavoro interinale?
Pubblicato in Filiera Sporca

Finalmente, dopo anni di lavoro passati al fianco del Comune di Genova, nella Consulta del Verde, cercando di promuovere integrazioni al vecchio regolamento di assegnazione e gestione degli orti urbani, siamo felici di potervi dare questa notizia: l'11 giugno è stato approvato dalla Giunta il nuovo regolamento che, nei fatti, concede più possibilità di accesso ai giovani under 30 e favorisce pratiche ecosostenibili di coltivazione. 

Prima di entrare in vigore, la delibera passerà, nei prossimi giorni, in discussione alla Commissione e al Consiglio comunale ma noi, intanto, festeggiamo per questo nuovo passo in avanti!

Pubblicato in SuppORTI urbani
Venerdì, 12 Giugno 2015 13:56

Terra! Camp, i campi estivi 2015

Tornano i campi estivi di Terra! Onlus. Quest’anno, però, con una importante novità.
Oltre ai campi per bambini e ragazzi (a Genova), abbiamo deciso, infatti, di organizzare anche un campo per adulti (a Lampedusa). Perché crediamo sia importante dare la possibilità a tutti, nessuno escluso, di contribuire a restituire all’ambiente il suo ruolo chiave per uno sviluppo sostenibile e sociale. Anche attraverso un campo, approfittando della pausa estiva.

E allora a luglio o ad agosto, a Genova o a Lampedusa partecipa a un Terra! Camp.
Riavviamo il pianeta, insieme!

Pubblicato in SuppORTI urbani
Venerdì, 03 Aprile 2015 17:02

Orti insieme. Imparare facendo!

La primavera è arrivata e gli orti di Valletta Rio San Pietro a Cornigliano (GE) aspettano solo voi!

Il 18 e 19 aprile abbiamo organizzato un interessante corso-laboratorio per imparare insieme come si cura un orto. Il corso è rivolto a ragazzi con un'età compresa tra i 14 e i 25 anni e a tutti gli adulti che intendono diventare volontari di Terra!

Il programma di "Orti insieme. Imparare facendo!" prevede:

18 aprile, ore 10-17: scopriamo le magie dell'orto con attività di gruppo e scoperta. Come si lavora in un orto? Cosa bisogna sapere per gestirlo al meglio?

Pubblicato in SuppORTI urbani
Venerdì, 03 Aprile 2015 14:50

Vivi con noi l'AltraPrimavera

Finalmente, dopo tanto lavoro, ci siamo. Da aprile partono le prime attività all'AltraVia

Ecco fresco fresco il primo programma degli eventi organizzati da Terra!Onlus, Fair e Yoge per vivere insieme l'AltraPrimavera.

Mercoledì 15 aprile, ore 18 - 20: FACCIAMO L’ORTO SUL BALCONE

Condividiamo una pratica quotidiana che sta già coinvolgendo persone di tutte le età. Anche se non avete un pezzo di terra potete valorizzare gli spazi di casa! Fatelo per fare economia, per sviluppare abilità pratiche, per autosostentamento o per sapere cosa mangiate e mangiare cibo senza pesticidi…facciamolo insieme! Costo 15 euro richiesta prenotazione.

Per avere più info clicca qui.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Siete mai stati al Parco Urbano di Valletta Rio San Pietro?

Magari sapete dove si trova ma non sapete che al suo interno vengono organizzate tantissime iniziative, completamente gratuite, per ragazze e ragazzi.

Cogliete l'occasione dell'arrivo delle belle giornate per farci un salto e dare un'occhiata!

Tutti i mercoledì, dalle ore 14 alle 16, anche noi siamo lì, a lavorare al nostro progetto di orti urbani condivisi.

Vi aspettiamo! Per info telefonare al n. 3402707963.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Il lavoro è dignità, determinazione e buona volontà. 

Lo dimostrano gli operai cassintegrati dell’Ilva di Genova che di stare a casa e far passare il tempo senza un obiettivo proprio non ne hanno voglia. 

Li abbiamo conosciuti, prima seduti a un tavolo istituzionale e poi nel parco urbano di Valletta Rio San Pietro a Cornigliano, dove dal 3 febbraio inizieranno a portare il loro contributo alla comunità, dopo un breve corso di formazione teorico pratico sulla gestione del verde.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Quanta acqua consumiamo al giorno? Acqua per la doccia, acqua per lavare i piatti, acqua per la lavatrice, acqua per preparare il cibo. Litri di acqua che “sporchiamo” con saponi e rimettiamo in circolo. Litri di preziosa risorsa che diventa rifiuto non utilizzabile. 

Non tutti sanno, però, che esiste un metodo ecologico per depurare l’acqua reflua attraverso le piante: la fitodepurazione.

Già nell’antichità, gli Egizi si erano accorti che le acque del Nilo prelevate a valle in aree insediate dalla vegetazione erano più adatte per l’uso potabile.

Pubblicato in SuppORTI urbani

Il campeggio alla Tabacca è iniziato l’8 maggio con un sole che spaccava le pietre ed è terminato con la pioggia e la nebbia che sembrava di essere in autunno.

Quattro giorni con 20 giovani che non conosco, con un solo compost toillet, un pannello solare e un tempo che non promette niente di buono.

Ho vissuto direttamente gli umori dei ragazzi e le loro reazioni nel trovarsi in un sistema diverso da quello quotidiano con un solo pannello solare per qualche lampadina, un compost toilette, le docce nel bosco, il tutto condito con tante relazioni personali e incontri con realtà locali, il parco del Beigua, il borgo e i contadini.

Pubblicato in #iviaggidelconiglio

Acqua, energia, cibo e recupero dei materiali.

Saranno questi i temi che verranno trattati dall'8 al 11 maggio alla Tabacca - la casa di Terra!, nei pressi di Campenave (Genova).

Il campeggio a cui parteciperanno decine di ragazzi della Liguria è sostenuto dalla Regione Liguria Regione Liguria, nell’ambito degli obiettivi definiti dal decennio UNESCO 2005/2014 per l’Educazione allo Sviluppo.

Un programma fitto di attività:
dalla semina dei prodotti degli orti sinergici alla raccolta di piante spontanee, dalla costruzione di un pannello solare termico alla panificazione naturale.

Il pannello solare termico sarà prodotto con materiali di recupero  e realizzato grazie all’aiuto di un docente speciale, Tommaso Gamaleri di Retenergie Savona.

Le attività che si svolgeranno durante il campeggio si ispirano ai principi della permacultura che considera fondamentale  una progettazione agricola sostenibile e un'etica dell'uso della terra.

Non mancheranno ospiti speciali, dagli operatori del parco del Beigua agli abitanti del piccolo borgo e poi i contadini della zona con cui degusteremo le famose fragoline di Vesima.

E per i ritardatari abbiamo in serbo altre attività, la Tabacca vi aspetta!!!

 

Pubblicato in SuppORTI urbani

Dal 26 aprile al 4 maggio, una carovana composta da attiviste e attivisti di diversi Paesi (tra gli altri Italia, Grecia, Francia, Bulgaria, Portogallo, Germania) attraverserà diverse città europee per rivendicare il diritto di scegliere, conservare, scambiare e vendere i propri semi valorizzando la biodiversità e per chiedere un cambiamento radicale della legislazione europea sui semi.

Il 30 aprile la carovana, guidata da Vandana Shiva, farà tappa a Genova, agli orti di Cornigliano, per un incontro tra le associazioni, le reti e la cittadinanza.

Nel corso della giornata verrà inaugurata la prima Semiteca, una dispensa con diverse varietà di semi conservate in questi anni e che potranno essere scambiate  e utilizzati a fini orticoli.

La carovana, composta anche da alcuni attivisti di Terra!, inizierà il tour dalla Grecia:

Il 26 aprile in Grecia la comunità “Peliti” organizzerà la XIV Celebrazione dello Scambio Nazionale delle varietà locali sul proprio territorio e da lì partirà. Dopo aver attraversato il Mediterraneo ed essere approdata ad Ancona, inizierà il suo viaggio attraverso l’Italia, facendo tappa a Firenze: il 29 aprile, con la partecipazione di Vandana Shiva, verrà organizzato il Festival per la Libertà dei Semi e del Cibo in Piazza SS Annunziata.

Pubblicato in SuppORTI urbani
Venerdì, 28 Marzo 2014 01:44

C’è della Terra! a Palazzo Verde

Sabato 8 Marzo si sono aperte le porte di Palazzo Verde, la casa dell'educazione ambientale del Comune di Genova proprio nel centro della città.

In questa giornata si sono susseguiti numerosi laboratori creativi, artistici e artigianali che sono stati animati da associazioni impegnate sul tema ambientale le quali, nei prossimi mesi, faranno vivere Palazzo Verde con le loro iniziative e il loro impegno.

L’8 Marzo c'era anche Terra!Onlus tra queste realtà, impegnata a far mettere le mani nella terra ai più piccoli, per scoprire i misteri e le magie del suolo!

Da questo mese dunque una nuova avventura e nuovi incontri nella cornice di Palazzo Verde: per tutti gli interessati ai temi connessi alla terra, anche in ambito urbano, Terra!Onlus organizza un ciclo di appuntamenti che si svolgeranno generalmente il venerdì dalle 18:00 alle 21:00.
Partiamo subito Venerdì 28 marzo con "Terra! è Territorio" per parlare della nostra associazione e di accesso alla terra. Si proseguirà poi con gli appuntamenti de "Il terzo paesaggio" su erbe spontanee in città il 18 aprile,  l'orto sul balcone il 30 maggio, le foreste e la carta con gli ortaggi il 20 giugno e altro ancora!

Sempre a Palazzo Verde il venerdì mattina su prenotazione, Terra!Onlus potrà accogliere le classi delle scuole dell’infanzia e primarie alla scoperta dell’orto, del terreno e dei suoi abitanti attraverso la realizzazione di laboratori specifici sulle diverse tematiche e per le diverse età.

Ti aspettiamo a Palazzo Verde – Magazzini dell’Abbondanza – Via del Molo, 65 - Tel. 010 9814369/7

Per info scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - cell. 339 6647719

 

Pubblicato in SuppORTI urbani

Il Consiglio comunale sta per approvare un PUC  che prevede 336mila mq di aree potenzialmente edificabili oltre la linea verde.  Altro che costruire sul costruito!

Genova 22 gennaio 2014 - Mentre il maltempo flagella la Liguria disvelando ancora una volta tutta la fragilità di un territorio stuprato dalla cattiva politica e dalla economia speculativa, la Giunta comunale di Genova si appresta a portare in consiglio una delibera sul PUC che, in palese contraddizione con gli obiettivi invariabili dichiarati dal Sindaco, mette ulteriormente a rischio la sicurezza dei cittadini genovesi e la vivibilità della città.

Lo scorso 14 gennaio i rappresentanti delle 53 associazioni/circoli/comitati/reti/forum che hanno sottoscritto l'appello "LA CITTA’ CHE VOGLIAMO. Stop alle nuove costruzioni" hanno incontrato il  Sindaco Marco Doria e l’Assessore all’Urbanistica Stefano Bernini per evidenziare i gravi rischi presenti nella delibera in approvazione e per consegnare le migliaia di firme raccolte a favore di una moratoria sul consumo di territorio.

Oggi ci presentiamo nuovamente in Commissione Territorio per essere auditi dal Comune e fare presente le gravi mancanze e contraddizioni presenti nel documento di delibera del PUC dove l’Assessore all’Urbanistica Bernini scrive esattamente il contrario di quello che sostiene il Sindaco Doria nelle dichiarazioni ufficiali.

Leggi il comunicato stampa per intero al seguente link.

Pubblicato in Land sharing

Al Sindaco viene riconsegnato martedì il
“PUC dei cittadini”
Partecipato, strategico, centrato sul futuro e la vivibilità

La rete composta da 50 realtà cittadine con decine di migliaia di attivisti, iscritti, volontari attivi chiede nuovamente che il Comune dialoghi con la città, ascolti le richieste e  inserisca nel PUC lo stop alle costruzioni

Il Comune non dialoga né con i cittadini né in modo proficuo con la Regione che ha proposto alcune modifiche

Martedì 14 gennaio la rete incontra il Sindaco Doria per ribadire le richieste consegnando ulteriori 2300 firme, simbolicamente raccolte in poche settimane

Genova, 14 gennaio 2014 – i cittadini, le associazioni, le reti e i comitati che si battono per una città più vivibile, sicura e partecipata oggi consegnano al sindaco Doria 2300 firme “cartacee” di cittadini (più alcune altre migliaia online) che chiedono una moratoria sul consumo di territorio e sulla cementificazione a Genova.

La raccolta, simbolica, di firme, prese in poche settimane, è solo l’occasione per associazioni, comitati, cittadini di ribadire al sindaco di ascoltare una grande parte di città che supporta le richieste presentate.

La rete di realtà cittadine è composta da:

Rete IF, tavolo agricoltura; Forum salviamo il paesaggio, Genova; Arci Genova; Acli Liguria; Aiab Liguria; Amici del Chiaravagna onlus; Amici di Pontecarrega; Attac; Circolo arci barabini di trasta; Circolo arci belleville; Circolo arci culturale Fegino; Circolo arci erba voglio; Circolo arci futuro primitivo; Circolo arci pianacci; Circolo arci zenzero; Comitato acqua bene comune Genova; Comitato acquasola; Comitato contro la cementificazione di Terralba; Comitato protezione Bosco pelato; Coordinamento gestione corretta rifiuti della Liguria (gcr Liguria); Fair; Gestione corretta rifiuti Genova (gcr genova); Italia Nostra; Legambiente LIguria; Le serre di San Nicola di Castelletto; Libera Genova; Liguria biologica; Mdc Genova; Medicina democratica; Medici per l’ambiente (i.s.d.e.); Movimento consumatori Liguria; Movimento decrescita felice Genova; Slow food Liguria; Terra! onlus; Vivere in collina; Wwf Genova; Wwf Italia sezione regionale Liguria; Y.e.a.s.t. youth europe around sustainability tables; GasaGenova; A.s.c.i. Liguria; Circolo nuova ecologia; Circolo arci lavoratori sturlesi accipicchia; Slow food Genova; Comitato genitori istituto comprensivo Pra’, Mfe Genova; rete Voglio la Gavoglio; arci Primo Maggio; Genova Bene Comune; Ingegneria senza frontiere; Anemmu in bici a Zena; Geologia Senza Frontiere; Circolo arci Sant'Eusebio: Cittadini per Carignano.

Pubblicato in Land sharing

Nato all’interno del carcere di Genova Pontedecimo, l’attività principale del progetto “Orti al Fresco” è rappresentata dalla progettazione, realizzazione e di orti in agricoltura naturale sinergica con detenute e detenuti.

L’obiettivo generale del progetto è quello di creare un luogo di scambio, espressione e crescita di austima della singola persona che all’interno del carcere si trova a vivere una condizione di costrizione e limitazione delle proprie attività.

Attraverso il progetto “Orti al fresco” si intende, inoltre, avviare un percorso di formazione legato all'educazione ambientale e allo sviluppo di attività nel carcere che potrebbe aiutare i partecipanti ai fini del reinserimento sociale e lavorativo. Le detenute e i detenuti del carcere di Genova Pontedecimo, coinvolti nel progetto, avranno così la possibilità di ritrovare una nuova dimensione progettuale sul domani che li renderà protagonisti della propria esistenza.

Pubblicato in SuppORTI urbani
Domenica, 10 Febbraio 2013 10:20

Carceri, hanno liberato l’orto

Fabio Ciconte, Il Fatto quotidiano

Il carcere lo si può raccontare attraverso i numeri, indegni, del sovraffollamento. Lo si può raccontare attraverso la sentenza, sacrosanta, della Corte europea dei diritti dell’uomo, o con la lente appannata di chi crede che in fondo se sei finito in carcere un motivo c’è, e allora poco importa delle condizioni in cui ti trovi a vivere, te lo sei meritato.

Pubblicato in SuppORTI urbani